Category: Map

Clear All
  • Principali campi di concentramento nazisti in Europa: gennaio 1944

    Cartina

    In tutta l'Europa occupata dai Nazisti, i Tedeschi arrestavano chi cercava di resistere all'oppressione così come chi veniva considerato di razza inferiore o politicamente indesiderabile. Coloro che venivano arrestati per aver opposto resistenza alla legge germanica erano per la maggior parte mandati ai lavori forzati o nei campi di concentramento. Per quanto riguarda gli Ebrei, oltre che nei campi di concentramento, dove venivano costretti al lavoro forzato, i Tedeschi li deportarono da tutte le zone europee occupate nei campi di sterminio situati in Polonia; una volta là, essi venivano sistematicamente eliminati. Inoltre, campi cosiddetti di transito, come quelli di Westerbork, Gurs, Mechelen e Drancy, in Europa occidentale, e quelli di concentramento di Bolzano e Fossoli di Carpi in Italia, erano usati come centri di raccolta, da dove gli Ebrei venivano poi deportati nei campi di sterminio, tramite appositi convogli ferroviari. Nel 1945, secondo i rapporti delle SS, nei campi di concentramento erano registrati più di 700.000 prigionieri.

    Principali campi di concentramento nazisti in Europa: gennaio 1944
  • Principali campi di concentramento nazisti nella Grande Germania: 1944

    Cartina

    Il sistema di campi di concentramento creato dai Nazisti si allargò rapidamente dopo l'inizio della Seconda Guerra Mondiale (avvenuto nel settembre del 1939), in quanto il lavoro forzato diventò importante per la produzione bellica. Nell'ambito dell'economia di guerra, la penuria di forza lavoro divenne particolarmente critica dopo la sconfitta di Stalingrado, avvenuta tra il 1942 e il 1943. Questo portò a incrementare l'utilizzo dei prigionieri dei campi di concentramento, come lavoratori forzati, nell'industria bellica. In particolare, nel 1943 e nel 1944, centinaia di campi minori vennero realizzati all'interno o nei pressi degli stabilimenti industriali. Questi campi secondari erano generalmente più piccoli e venivano amministrati da quelli più grandi, i quali fornivano anche i prigionieri necessari al lavoro. Campi di concentramento quali Auschwitz, in Polonia, Buchenwald, nella Germania centrale, Gross-Rosen nella Germania orientale, Natzweiler-Struthof nella Francia orientale, Ravensbrück, vicino a Berlino, e Stutthof vicino a Danzica (sulla costa baltica), diventarono così i nodi centrali di queste vaste reti di campi sussidiari destinati al lavoro forzato.

    Principali campi di concentramento nazisti nella Grande Germania: 1944
  • Principali campi di concentramento nella Grande Germania; evidenziata in giallo, Dachau
  • Principali deportazioni ad Auschwitz: 1941-1944
  • Principali deportazioni nei campi di sterminio: 1942-1944

    Cartina

    Durante la Conferenza di Wannsee, tenutasi a Berlino nel gennaio 1942, le SS (la guardia speciale d'elite dello stato nazista) e i rappresentanti dei ministeri del governo tedesco stimarono che la Soluzione Finale (il piano nazista per l'eliminazione degli Ebrei d'Europa) avrebbe coinvolto 11 milioni di Ebrei, inclusi quelli di paesi in quel momento non occupati, come l'Irlanda, la Svezia, la Turchia e la Gran Bretagna. Molti degli Ebrei che vivevano in Germania e nelle zone europee occupate furono deportati tramite convogli ferroviari nei campi di sterminio situati nella Polonia occupata, dove vennero uccisi. I Tedeschi cercarono di celare le loro intenzioni riferendosi alle deportazioni come a "re-insediamenti a est"; alle vittime veniva detto che sarebbero state portate nei campi di lavoro, ma in realtà, a partire dal 1942, la deportazione significò per la maggior parte degli Ebrei un breve periodo di transito verso i campi di sterminio e poi la morte.

    Principali deportazioni nei campi di sterminio: 1942-1944
  • Questa mappa mostra i luoghi dove avvennero i più grandi roghi di libri.  Maggio 1933
  • Rivolta del ghetto di Varsavia, 1943
  • Romania 1933; evidenziata in giallo, Lasi
  • Romania 1942; in evidenza, la Transnistria
  • Romania, 1933

    Cartina

    Romania, 1933

Thank you for supporting our work

We would like to thank Crown Family Philanthropies and the Abe and Ida Cooper Foundation for supporting the ongoing work to create content and resources for the Holocaust Encyclopedia. View the list of all donors.