Dettagli
Cartina

Operazioni di salvataggio a Budapest: 1944-1945

Raoul Wallenberg, un diplomatico svedese assegnato all'Ambasciata svedese a Budapest, guidò una delle operazioni di salvataggio più estese e di maggior successo durante l'Olocausto. Insieme al Comitato Americano per i Rifugiati di Guerra e al Congresso Mondiale Ebraico, Wallenberg si adoperò per proteggere decine di migliaia di Ebrei ungheresi dalla deportazione nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau. Anche altri diplomatici di altri paesi neutrali parteciparono a quegli sforzi per condurre in salvo cittadini in pericolo. Carl Lutz, un diplomatico svizzero, rilasciò certificati di emigrazione a quasi 50.000 Ebrei, ponendoli così sotto la protezione dello Stato elvetico. Giorgio Perlasca, uomo d'affari italiano, si finse un diplomatico spagnolo e fornì agli Ebrei falsi visti per la Spagna. Al momento della liberazione, più di 100.000 Ebrei si trovavano ancora a Budapest grazie soprattutto a questi atti di salvataggio.


Tag


  • US Holocaust Memorial Museum

Condividi

Rescue in Budapest, 1944-1945 [LCID: bud78050]

Thank you for supporting our work

We would like to thank The Crown and Goodman Family and the Abe and Ida Cooper Foundation for supporting the ongoing work to create content and resources for the Holocaust Encyclopedia. View the list of all donors.