<p>Il primo agosto 1933, Hitler aprì ufficialmente l'Undicesima Edizione dei Giochi Olimpici Estivi, a Berlino, in Germania. Inaugurando quella che sarebbe diventata una nuova tradizione dei Giochi, un corridore solitario giunse nello stadio recando una torcia che da Olimpia, sede delle antiche Olimpiadi, in Grecia, era stata portata a Berlino da diverse staffette. Questa fotografia mostra l'arrivo a Berlino dell'ultima  staffetta che con la torcia accese la fiamma olimpica, dando così ufficialmnete inizio agli Unidcesimi Giochi Olimpici Estivi. Berlino, Germania, primo agosto 1936.</p>

1936: le date più importanti

6 giugno
Il Ministero degli Interni del Reich e di Prussia emana un decreto per eliminare la “piaga degli Zingari”. Il decreto rende ufficiali molte delle restrizioni e dei regolamenti già in uso a livello locale contro i Rom (Zingari) residenti in Germania. Grazie a questo decreto le forze di polizia, sia statali che locali, possono arrestare i Rom e chiunque abbia un’organizzazione sociale simile alla loro.

17 giugno
Hitler nomina Heinrich Himmler - allora comandante delle SS (Reichsführer-SS) - Capo della Polizia Tedesca.

26 giugno
Il comandante delle SS Himmler crea due nuovi uffici per la gestione delle SS e delle forze di polizia: 1) l’Ufficio Centrale della Polizia di Sicurezza (Hauptamt Sicherheitspolizei, abbreviata con HA Sipo) che include il personale investigativo della Gestapo e della Polizia Criminale (Kriminalpolizei; Kripo) e il cui comando viene affidato al generale delle SS Reinhard Heydrich; 2) l’Ufficio Centrale della Polizia d’Ordine Pubblico, al comando del generale delle SS Kurt Daluege, cui fanno capo tutte le restanti forze di polizia del paese.

12 luglio
Le SS istituiscono il campo di concentramento di Sachsenhausen, vicino a Oranienburg, a nord di Berlino, in Germania. Alla fine di settembre, le autorità tedesche vi avranno già rinchiuso circa 1.000 persone.

16 luglioLe autorità tedesche ordinano l’arresto di tutti i Rom (Zingari) che risiedono nell’area denominata Grande Berlino, per trasferirli, poi, in un campo speciale nel sobborgo di Marzahn, alla periferia della capitale. Dal 1938, le autorità cominceranno a deportare i Rom da Marzhan ad altri campi di concentramento, come Sachsenhausen e Auschwitz.

1 agosto
A Berlino si aprono ufficialmente i Giochi Olimpici Estivi, ai quali partecipano atleti e spettatori provenienti da tutto il mondo. I Giochi si trasformano in un successo di propaganda per il governo nazista, i cui funzionari si adoperano in ogni modo per dare della Germania l’immagine di membro rispettabile della comunità internazionale. Per questa ragione vengono rimossi i cartelli contro gli Ebrei e vengono limitate le attività anti-ebraiche. In risposta alle pressioni delle delegazioni straniere presenti alle Olimpiadi, la Germania include nella propria squadra olimpica di scherma anche un’atleta in parte ebrea, Helene Mayer. Inoltre, per tutta la durata dei Giochi vengono sospese le leggi contro gli omosessuali.

28 agosto
In tutta la Germania, le autorità tedesche eseguono diverse retate, arrestando numerosi Testimoni di Geova. La maggior parte di loro sarà poi inviata ai campi di concentramento.

Thank you for supporting our work

We would like to thank The Crown and Goodman Family and the Abe and Ida Cooper Foundation for supporting the ongoing work to create content and resources for the Holocaust Encyclopedia. View the list of all donors.