Cartine Animate

Dopo l'Olocausto

Durante l'avanzata in Europa, nel corso di una serie di offensive contro la Germania nazista, le truppe alleate scoprirono e liberarono i campi di concentramento. Molti dei prigionieri erano sopravvissuti alle marce della morte che li avevano portati all'interno della Germania. Dopo la liberazione, la maggior parte degli Ebrei che si erano salvati non poté o non volle ritornare nell'Europa dell'est a causa dell'antisemitismo ancora dominante e della distruzione che aveva colpito le loro comunità durante l'Olocausto. Coloro che scelsero di tornare spesso dovettero temere per la propria vita. Molti tra i sopravvissuti all'Olocausto, rimasti senza casa, decisero di emigrare ad ovest verso i territori liberati dagli Alleati, dove, in attesa di lasciare definitivamente l'Europa, furono ospitati nei campi profughi e nei centri per i rifugiati.

Testo

Con la sconfitta della Germania Nazista da parte delle Forze Alleate, nel maggio del 1945, decine di migliaia di Ebrei sopravvissuti all'Olocausto furono liberati dai campi di concentramento in tutta Europa.

Gli Alleati occuparono ognuno una zona diversa della Germania e dell'Austria. Anche le città di Berlino e Vienna furono divise in zone d'occupazione.

Per dare rifugio e cure ai sopravvissuti, gli Alleati crearono campi profughi in tutte le zone occupate e in Italia.

L'Agenzia delle Nazioni Unite per il Soccorso e la Riabilitazione si trovò ad amministrare centinaia di campi profughi.

Un alto numero di rifugiati ebrei si trovava nei campi profughi e nei centri all'interno delle zone d'occupazione inglese e americana, in Germania.

Essi ricevettero un aiuto considerevole da parte delle associazioni ebraiche. A metà del 1947, il numero di rifugiati ebrei aveva raggiunto le 250.000 persone.

Gli orrori recenti dell'Olocausto, uniti alle violenze e all'antisemitismo ancora diffusi durante il dopoguerra, spinsero la maggior parte dei profughi a cercare di lasciare l'Europa.

La Palestina divenne la meta più ambita da un numero crescente di sopravvissuti ebrei; molti altri cercarono di emigrare negli Stati Uniti.

Tuttavia, gli Stati Uniti continuarono a limitare fortemente l'immigrazione e gli Inglesi fecero lo stesso in Palestina, a quel tempo ancora sotto il loro controllo.

Migliaia di rifugiati ebrei cercarono di aggirare le restrizioni applicate dagli Inglesi all'accesso in Palestina.

Essi scapparono utilizzando vie di fuga che attraversavano l'Europa, per poi intraprendere estenuanti viaggi per mare.

Con il termine "Brihah" (la parola che in Hebrew significa "fuga" o "evasione") si indicò l'emigrazione organizzata dall'Europa dell'est verso le zone occupate dagli Alleati e verso la Palestina.

Più del 90 per cento delle imbarcazioni di rifugiati che cercarono di raggiungere la Palestina furono intercettate dalla marina inglese.

Le autorità britanniche trasferivano forzatamente i profughi in campi di prigionia, principalmente sull'Isola di Cipro, nel Mediterraneo.

Alla fine 1948, il numero di Ebrei detenuti dagli Inglesi all'interno di squallidi campi profughi a Cipro era salito a più di 50.000 persone.

Gli Inglesi respinsero anche la nave "Exodus 1947", rimandandola in Europa dove i profughi vennero incarcerati.

Il 14 maggio 1948, la proclamazione dello Stato di Israele aprì l'era di immigrazione illimitata degli Ebrei nella neonata nazione.

Tra il 1948 e il 1951, più della metà dei profughi ebrei che si trovavano in Europa entrarono liberamente in Israele.


Tag


  • US Holocaust Memorial Museum

Share This