Chelmo (Versione ridotta)

Durante il periodo dell’Olocausto le SS assassinarono almeno 152.000 persone nel campo di sterminio di Chelmo, circa 45 chilometri a nordovest di Lodz, in Polonia. A Chelmo, inoltre, per uccidere i prigionieri Ebrei venne utilizzato per la prima volta il gas. Il centro sorgeva in una tenuta nobiliare circondata da un bosco piuttosto esteso; sia la tenuta che il bosco erano circondati da un alto recinto di legno e il personale del campo e le guardie alloggiavano nella vicina città.

La polizia e le SS iniziarono le operazioni di sterminio a Chelmo l’8 dicembre del 1941. Le prime vittime furono Ebrei che vivevano nella zona, prelevati e caricati sui camion per essere trasferiti nel campo. Una volta all’interno, gli ufficiali delle SS - spesso vestiti da personale medico - dicevano ai deportati che li avrebbero trasferiti in Germania, per lavorare, ma che prima dovevano “lavarsi”. Gli Ebrei venivano quindi portati all’interno di un edificio dove erano obbligati a spogliarsi e a consegnare tutti gli oggetti di valore. Le guardie spingevano poi i prigionieri, nudi, su una rampa che conduceva in un grande autocarro, il quale poteva contenere tra le 50 e le 70 persone. Quando il camion era pieno, le porte venivano chiuse ermeticamente e il monossido di carbonio veniva pompato all’interno attraverso un tubo collegato allo scappamento, uccidendo così tutti i prigionieri. Al termine delle operazioni, il camion veniva portato nel settore del campo che si trovava all’interno del bosco e i cadaveri scaricati in grandi fosse comuni. Se per caso qualche prigioniero era ancora vivo, veniva finito con un colpo d’arma da fuoco.

Il 16 gennaio 1942, le SS e la polizia cominciarono a deportare gli Ebrei dal ghetto di Lodz a Chelmo per mezzo di treni merci stipati all’inverosimile. Quei trasporti includevano Ebrei originariamente provenienti da Germania, Austria, Boemia e Moravia e dal Lussemburgo. Altre vittime sterminate a Chelmo inclusero migliaia di Rom (Zingari), diverse centinaia di Polacchi e di prigionieri di guerra sovietici. Diverse dozzine di prigionieri ebrei furono inoltre obbligati a rimuovere i cadaveri dai camion e a seppellirli nelle fosse comuni. Queste ultime però si riempirono in fretta e l’odore dei cadaveri in decomposizione cominciò a raggiungere i paesini vicini; di conseguenza le SS e la polizia, nell’estate del 1942, ordinarono che i corpi venissero invece bruciati in forni costruiti all’aperto, che erano stati realizzati con pezzi di binari ferroviari. Le SS e i funzionari di polizia uccidevano periodicamente i prigionieri adibiti a quelle operazioni sostituendoli con altri appena arrivati.

Le SS e la polizia condussero le operazioni di sterminio a Chelmo fino al marzo del 1943 e poi di nuovo per un breve periodo nel giugno e luglio del 1944, per facilitare la liquidazione del ghetto di Lodz. Dal settembre 1944, un gruppo di prigionieri ebrei venne obbligato ad esumare e cremare i resti dei cadaveri ancora nelle fosse comuni per cancellare ogni prova dello sterminio. Alla fine del lavoro, le SS e la polizia fucilarono poi circa la metà degli 80 uomini di quella squadra. Il 17 gennaio del 1945, all’avvicinarsi dell’esercito sovietico, i Tedeschi abbandonarono il centro di sterminio di Chelmo.

Thank you for supporting our work

We would like to thank The Crown and Goodman Family and the Abe and Ida Cooper Foundation for supporting the ongoing work to create content and resources for the Holocaust Encyclopedia. View the list of all donors.