Testimonianze Orali

Raszka (Roza) Galek Brunswic descrive un rastrellamento nel ghetto di Varsavia e come riuscì a sfuggire alla deportazione

La famiglia di Roza si era trasferita a Varsavia nel 1934. Lei aveva appena iniziato l'università quando la Germania invase la Polonia, nel 1939. Nel 1940 i Tedeschi isolarono definitivamente il ghetto di Varsavia dal resto della città; i suoi genitori vennero uccisi nel ghetto durante un rastrellamento. Roza invece riuscì a fuggire e a entrare in clandestinità. Dal suo nascondiglio, ella vide bruciare il ghetto durante la rivolta del 1943. Grazie a documenti falsi, Roza riuscì a farsi passare per una donna polacca di religione cattolica, Maria Kowalczyk, e come tale, nel giugno del 1943, venne caricata su un treno bestiame e deportata in Germania, dove lavorò in una fattoria fino alla liberazione, nel 1945.

Testo

Poco prima che dessero fuoco al ghetto, le cose cominciarono a peggiorare decisamente. La gente veniva uccisa così... veniva trascinata fuori senza nessuna ragione e uccisa; e specialmente i bambini, li prendevano e li sbattevano contro il muro; li uccidevano in quel modo. Insomma, a un certo punto ci radunarono tutti e ci misero in file diverse: "tu stai qui, tu qui e tu qui". A quel punto noi eravamo... cioè, tutti si ritrovarono separati dalle proprie famiglie. Se qualcuno a loro sembrava abbastanza forte da poter essere destinato al lavoro (a quello che noi pensavamo fosse lavoro) allora lo mettevano in una certa fila. Quelli che invece sembravano malati o deboli, andavano in un'altra. E gli anziani in un'altra ancora. Quelli che sembravano troppo malati, se ne occupavano subito. I miei genitori, per esempio, a quell'epoca avevano proprio un aspetto malconcio e così li uccisero subito, sul posto. E non solo i miei genitori, ma molti altri. Io mi trovavo già nella mia fila, ma la lasciai per correre ad aiutarli; però quelli mi spinsero di nuovo indietro. Non si poteva fare nulla. Le mie sorelle erano più piccole di me e le presero e le portarono in fila con altri più giovani. Io ero nella fila di quelli più grandi. Comunque, in qualche modo riuscii a lasciare la mia fila e cercare un posto dove nascondermi; insomma, uscii dalla mia fila e trovai un nascondiglio. Fu così che mi salvai.


  • US Holocaust Memorial Museum Collection
Informazioni dall'archivio

Questa pagina è disponibile anche in

Thank you for supporting our work

We would like to thank The Crown and Goodman Family and the Abe and Ida Cooper Foundation for supporting the ongoing work to create content and resources for the Holocaust Encyclopedia. View the list of all donors.