Testimonianze Orali

Preben Munch-Nielsen descrive il ruolo della popolazione danese nel salvataggio dei loro concittadini Ebrei

Preben era nato in una famiglia Protestante di Snekkersten, un paesino di pescatori. Quando i Tedeschi invasero la Danimarca nel 1940, Preben diventò un corriere della Resistenza. Nell'ottobre del 1943, quando la Gestapo (la Polizia Segreta tedesca) cominciò a dare la caccia agli Ebrei anche in Danimarca, Preben iniziò ad aiutare i profughi, nascondendoli nelle case vicino alla spiaggia e poi accompagnandoli alle barche che li avrebbero condotti in Svezia. Preben stesso dovette infine fuggire in Svezia, nel 1943. Tornò in Danimarca nel maggio del 1945.

Testo

Non potevamo abbandonare la gente, le persone che avevano bisogno. Non potevi voltare le spalle a chi necessitava del tuo aiuto. C'è... cioè, deve esserci una qualche sorta di decenza nella vita di una persona, e non sarebbe stato decente voltare le spalle alla gente che aveva bisogno. Così, non si discute... cioè, non si discute il perché o il percome. Lo fai e basta. Noi eravamo stati cresciuti così. Questa è la tradizione del mio paese. Devi dare aiuto; è una cosa normale. E perciò non penso che... insomma, come sarebbe stato possibile mantenere il rispetto di se stessi sapendo che quelle persone avrebbero sofferto e che [tu avevi] detto "No. Non alla mia tavola"? No. Assolutamente. Non si poteva. E quindi non c'era problema; dovevi semplicemente farlo e basta.


Tag


  • US Holocaust Memorial Museum Collection
Informazioni dall'archivio

Questa pagina è disponibile anche in

Thank you for supporting our work

We would like to thank The Crown and Goodman Family and the Abe and Ida Cooper Foundation for supporting the ongoing work to create content and resources for the Holocaust Encyclopedia. View the list of all donors.