Propaganda (Versione ridotta)

Il regime nazista utilizzò la propaganda per mobilitare la popolazione tedesca a sostegno delle guerre di conquista. La propaganda razzista e antisemita fu inoltre fondamentale nel motivare coloro che attuarono poi il genocidio degli Ebrei europei e servì anche ad assicurare il consenso passivo di milioni di altre persone alle persecuzioni razziali e allo sterminio. ˂p˃Dopo la presa del potere da parte dei Nazisti nel 1933, Adolf Hitler costituì il Ministero dell’Educazione Pubblica e della Propaganda guidato da Joseph Goebbels. Lo scopo principale del Ministero era far sì che il messaggio del Nazismo venisse diffuso con successo attraverso l’arte, la musica, il teatro, i film, i libri, la radio, i materiali didattici e la stampa. Il cinema in particolare giocò un ruolo centrale nella diffusione sia dell’antisemitismo sia dell’immagine della potenza militare tedesca e della malvagità intrinseca di coloro che l’ideologia nazista considerava nemici. I film del regime dipingevano gli Ebrei come creature “subumane”, infiltratesi nella società ariana. Film come Trionfo della Volontà di Leni Riefenstahl, glorificavano Hitler e il Movimento Nazional-Socialista. I giornali tedeschi, soprattutto Der Stürmer (letteralmente, L’Attaccante), stampava fumetti con caricature antisemite degli Ebrei.˂p˃Dopo l’invasione dell’Unione Sovietica da parte della Germania, la propaganda nazista cominciò ad utilizzare - sia in patria che tra le truppe dislocate nei territori occupati - messaggi che collegavano il Comunismo sovietico all’Ebraismo europeo, creando un’immagine apocalittica di ciò che sarebbe accaduto se i Sovietici avessero vinto la guerra.

Thank you for supporting our work

We would like to thank The Crown and Goodman Family and the Abe and Ida Cooper Foundation for supporting the ongoing work to create content and resources for the Holocaust Encyclopedia. View the list of all donors.