Film

L'apertura dei Giochi Olimpici Estivi del 1936

Nel 1933, Adolf Hitler, fino ad allora capo del Partito Nazista, divenne Cancelliere della Germania e trasformò rapidamente la fragile democrazia in una dittatura guidata da un solo partito. La polizia rastrellò migliaia di oppositori politici, imprigionandoli senza processo nei campi di concentramento. Il regime nazista mise in pratica anche politiche razziali che miravano a "purificare" e rafforzare la popolazione tedesca "ariana". Cominciò così una campagna senza tregua per escludere dalla vita tedesca gli Ebrei che vivevano nel paese (circa un milione e mezzo). Per due settimane, nell'agosto del 1936, Adolf Hitler nascose però il suo antisemitismo e i suoi piani di espansione, perché Berlino ospitava in quei giorni le Olimpiadi. Sperando di impressionare favorevolmente gli ospiti stranieri che erano in Germania per i Giochi, Hitler autorizzò una breve diminuzione delle attività anti ebraiche (facendo anche rimuovere i cartelli che vietavano agli Ebrei l'accesso ai luoghi pubblici). I Giochi rappresentarono uno strepitoso successo propagandistico per i Nazisti: essi presentarono agli spettatori stranieri l'immagine di una Germania tollerante e pacifica. In questo filmato, Hitler apre formalmente i Giochi Olimpici di Berlino dell'estate del 1936. Inaugurando un nuovo rituale olimpico, un corridore solitario arrivò reggendo una torcia che era stata portata da diverse staffette da Olimpia, in Grecia, sede degli antichi Giochi, fino a Berlino.

Testo

Dichiaro aperti i Giochi di Berlino, in celebrazione delle Undicesime Olimpiadi, secondo il nuovo calendario.


  • National Archives - Film

Thank you for supporting our work

We would like to thank The Crown and Goodman Family and the Abe and Ida Cooper Foundation for supporting the ongoing work to create content and resources for the Holocaust Encyclopedia. View the list of all donors.