Chaya Szabasson Rubinstein

Chaya Szabasson Rubinstein

Data di nascita: 1901

Kozienice, Polonia

Nel 1930 Chaya sposò Mordecai Rubinstein, commerciante, e con lui si trasferì dalla città natale di Kozienice alla vicina città di Radom. Chaya era cresciuta in una famiglia religiosa di lingua Yiddish e suo padre aveva una segheria vicino alla foresta di betulle di Kozienice. A Radom, il marito di Chaya gestiva una piccola linea di autobus.

1933-39: Nel 1933, Chaya diede alla luce una figlia, Gila. A metà degli anni Trenta, i Rubinstein ritornarono a Kozienice. Lì rimasero intrappolati quando l'esercito tedesco invase la Polonia nel settembre del 1939. Qualche settimana dopo, il quartiere ebraico della città fu dichiarato ghetto e gli Ebrei non poterono più lasciare la zona senza uno speciale permesso. I Nazisti picchiarono, derubarono e uccisero molti Ebrei e, lentamente, gli abitanti del ghetto iniziarono a morire di fame.

1940-42: Dopo l'inizio della guerra, Mordecai contrasse la tubercolosi e fu portato di nascosto fuori dal ghetto, in una casa di riposo ebraica, per la convalescenza. Chaya riusciva a far uscire di contrabbando dal ghetto della pelle e la vendeva al mercato nero; la figlia Gila, che allora aveva 8 anni, vendeva al mercato nero gli oggetti di casa per guadagnare qualcosa. Ma tutto ciò non era abbastanza e così Mordecai, ancora sofferente, fu riportato a casa, nel 1941. Nel 1942 Chaya fu deportata con il marito, la figlia e i genitori nel campo di sterminio di Treblinka.

La quarantunenne Chaya e tutta la sua famiglia morirono a Treblinka.

Thank you for supporting our work

We would like to thank The Crown and Goodman Family and the Abe and Ida Cooper Foundation for supporting the ongoing work to create content and resources for the Holocaust Encyclopedia. View the list of all donors.