Testimonianze Orali

Agnes Mandl Adachi descrive le azioni di salvataggio sulle rive del Danubio e il ruolo avuto da Raoul Wallenberg

Nel 1939, Agnes si trovava in Svizzera, per studiare il francese, ma tornò a Budapest nel 1940. Dopo che i Tedeschi occuparono l'Ungheria nel 1944, Agnes trovò rifugio nell'ambasciata svedese dove cominciò a lavorare per il diplomatico svedese Raoul Wallenberg, aiutandolo nei suoi sforzi per salvare gli Ebrei di Budapest, sforzi che comprendevano la distribuzione di lasciapassare (Schutzpaesse). Quando i sovietici entrarono a Budapest, Agnes decise di andare in Romania. Dopo la guerra, andò in Svezia e poi in Australia, prima di trasferirsi negli Stati Uniti.

Testo

Budapest è, in effetti, due città, e in mezzo scorre il cosiddetto Danubio Blu; per me però è il Danubio Rosso. Ma comunque...era così...e loro, i Nazisti ungheresi, portavano la gente laggiù e legavano tre persone insieme, poi sparavano a quello in mezzo così cadevano in acqua tutt'e tre. E se vedevano un movimento, sparavano ancora, per essere sicuri. Ma molte persone riuscirono a cavarsela in qualche modo, per conto loro. Però quello fu un inverno terribilmente freddo, come ho detto, e il Danubio era gelato, con grandi lastre di ghiaccio. Così Raoul tornò a casa la terza notte...una notte senza luna, né stelle, solo buio e freddo. E si rivolse a noi per la prima volta (di solito parlava solo con gli uomini o con la Croce Rossa) e chiese: "Quanti di voi sanno nuotare?" Io parlo sempre troppo, e così alzai la mano e dissi: "Ero la miglior nuotatrice della scuola". E lui mi disse "Andiamo!" E dovete immaginare come ero vestita, sembravo un orso di pezza con guanti e cappello. Poi siamo andati giù dalla parte opposta del fiume; gli Ungheresi non ci sentirono arrivare perché erano troppo occupati a legare e a sparare; e ci fermammo sulla sinistra, un bel po' lontano. Avevamo dottori e infermieri nelle macchine e avevamo persone pronte a tirarci fuori dall'acqua. Quattro di noi, tre uomini ed io, saltammo in acqua e grazie ai pezzi di ghiaccio ai quali le corde erano legate, riuscimmo a salvare delle persone, solo cinquanta però, perché poi eravamo talmente gelati che dovemmo fermarci; ma senza Raoul Wallenberg non ne avremmo salvato neanche una.


Tag


  • US Holocaust Memorial Museum Collection
Informazioni dall'archivio

Questa pagina è disponibile anche in

Thank you for supporting our work

We would like to thank The Crown and Goodman Family and the Abe and Ida Cooper Foundation for supporting the ongoing work to create content and resources for the Holocaust Encyclopedia. View the list of all donors.