Testimonianze Orali

Bella Jakubowicz Tovey descrive la visita da parte di un soldato inglese, mentre si trovava in ospedale a Bergen-Belsen, dopo la liberazione

Bella era la maggiore di quattro figli nati da genitori ebrei di Sosnowiec. Suo padre possedeva una fabbrica di prodotti lavorati a maglia. Dopo l'invasione della Polonia da parte dei Tedeschi, questi ultimi si impadronirono della fabbrica. I mobili della famiglia invece furono dati a una donna tedesca. Nel 1941 Bella fu mandata a lavorare in una fabbrica nel ghetto di Sosnowiec. Alla fine del 1942 la famiglia fu deportata nel ghetto di Bedzin. Nel 1943 Bella fu deportata a Graeben, un sottocampo di Gross-Rosen, e poi a Bergen-Belsen nel 1944. Fu liberata nell'aprile del 1945 e emigrò negli Stati Uniti nel 1946.

Testo

Dovete sapere che quando la guerra finì io probabilmente pesavo circa 30 chili ed ero tutta pelle e ossa. E mi ricordo che quando venne questo soldato inglese e mi chiese se poteva fare qualcosa per me, io gli risposi: "Vorrei due cose." Volevo che mi portasse delle calze calde. Ed era già maggio, badate. Faceva caldo. Ma io avevo freddo. Volevo delle calze calde, che arrivassero alle ginocchia. E volevo dello zucchero. Il mio corpo aveva bisogno di zucchero, immagino. Così egli mi portò delle calze e mi ricordo due cose: ricordo che quando mi misi le calze cominciai a piangere perché non avevo quasi più polpacci. Ero tutt'ossa e le calze non potevano star su. Ma mi ricordo anche che quando mi diede lo zucchero - e non poteva essere più di un etto circa, ma era zucchero, un piccolo sacchetto di zucchero, zucchero e basta - io presi il sacchetto e me lo versai in bocca tutto in una volta. Lo mangiai così com'era. E mi ricordo che il soldato si spaventò e corse via a cercare un'infermiera perché pensava chissà cosa mi sarebbe successo a mangiare tutto quello zucchero. L'infermiera gli disse in tedesco che non c'era problema, che andava tutto bene. Probabilmente avevo solo una gran voglia di zucchero.


  • US Holocaust Memorial Museum Collection
Informazioni dall'archivio

Questa pagina è disponibile anche in

Thank you for supporting our work

We would like to thank The Crown and Goodman Family and the Abe and Ida Cooper Foundation for supporting the ongoing work to create content and resources for the Holocaust Encyclopedia. View the list of all donors.