Testimonianze Orali

Hanne Hirsch Liebmann descrive le molestie e l'antisemitismo subiti in Germania

La famiglia di Hanne possedeva uno studio fotografico. Nell'ottobre 1940, lei e altri membri della sua famiglia vennero deportati nel campo di Gurs, nel sud della Francia. L'anno seguente, in settembre, la Società per l'Aiuto all'Infanzia (OSE) aiutò Hanne a nascondersi a Le-Chambon-sur-Lignon, in un istituto per l'infanzia. Sua madre, invece, morì ad Auschwitz. Nel 1943 Hanne ottenne documenti d'identità falsi e riuscì a rifugiarsi in Svizzera. Si sposò a Ginevra nel 1945 ed ebbe una figlia nel 1946. Nel 1948 emigrò negli Stati Uniti.

Testo

Un altro dei miei ricordi è il boicottaggio dell'aprile 1933, quando le vetrine del nostro studio fotografico vennero ricoperte con la scritta "Ebrei!" e "Non andate dagli Ebrei!" e così via. Questi sono alcuni dei ricordi della mia infanzia. La vita in famiglia invece era fantastica, ma al di fuori mica tanto. Venivi insultato per la strada e spesso ti chiamavano "sporco Ebreo" e cose così. Per molti anni avevo avuto amiche non-ebree e, naturalmente, sotto la pressione del Nazismo, loro non poterono più avere rapporti con me e io non avevo il coraggio per cercare di avere rapporti con loro.


Tag


  • US Holocaust Memorial Museum Collection
Informazioni dall'archivio

Questa pagina è disponibile anche in

Thank you for supporting our work

We would like to thank The Crown and Goodman Family and the Abe and Ida Cooper Foundation for supporting the ongoing work to create content and resources for the Holocaust Encyclopedia. View the list of all donors.