Cartine Animate

Auschwitz

Auschwitz ebbe un ruolo centrale nella "Soluzione Finale", il piano nazista per assassinare gli Ebrei d'Europa. Infatti, gli Ebrei che i Nazisti deportarono nel centro di sterminio di Auschwitz II (Birkenau) - che si trovava nella Polonia occupata - provenivano da tutte le nazioni controllate dalla Germania. In tutto, almeno un milione e centomila Ebrei morirono ad Auschwitz, insieme a centinaia di migliaia di altri prigionieri.

Testo

Al culmine della propria potenza, la Germania controllava la maggior parte dell'Europa Continentale.

I Nazisti crearono sei centri di sterminio nella Polonia occupata; il più grande fu quello di Auschwitz, che si trovava circa 59 chilometri ad ovest di Cracovia, vicino a quello che, prima della guerrra, era stato il confine tra la Germania e la Polonia.

Il complesso di Auschwitz consisteva di tre campi principali: il campo di concentramento di Auschwitz I, il centro di sterminio di Auschwitz II (Birkenau) e il campo di lavoro di Auschwitz III (Monowitz).

Un vasto sistema di campi secondari venne poi realizzato nella zona intorno ad Auschwitz, per ospitare i prigionieri obbligati a lavorare nelle industrie e nelle fabbriche.

Nel 1942, i Nazisti cominciarono la deportazione sistematica degli Ebrei ad Auschwitz e i treni con i prigionieri iniziarono ad arrivare giornalmente da quasi ogni angolo dell'Europa occupata dai Tedeschi.

I nuovi arrivati dovevano sottoporsi alla "selezione", durante la quale le SS decidevano di solito che la maggior parte dei prigionieri fosse inabile al lavoro, destinandola direttamente alle camere a gas.

Durante il 1943 e il 1944, a Auschwitz-Birkenau quattro grandi camere a gas e gli annessi crematori funzionarono quasi ininterrottamente.

Nell'ottobre del 1944, diverse centinaia di prigionieri ebrei, che erano stati obbligati a rimuovere i cadaveri dalle camere a gas e a far funzionare i crematori, organizzarono una rivolta.

Durante la rivolta, i prigionieri fecero saltare il Crematorio IV e la camera a gas adiacente, uccidendo anche diverse guardie del campo.

Le SS soffocarono rapidamente la sommossa, uccidendo i prigionieri e impiccando poi pubblicamente le quattro donne che, trovandosi ai lavori forzati in una fabbrica di armamenti, avevano introdotto di nascosto la polvere da sparo usata per far saltare il crematorio.

Verso la fine del 1944, i membri delle SS obbligarono i prigionieri a smantellare e minare le camere a gas per distruggere le prove degli assassinii di massa.

All'avvicinarsi delle forze sovietiche, nel gennaio del 1945, le SS obbligarono poi 60.000 prigionieri a lasciare Auschwitz tramite marce forzate (note come "marce della morte") per raggiungere l'interno della Germania.

Quando i Sovietici liberarono Auschwitz, alla fine di gennaio, trovarono ancora in vita solo alcune migliaia di prigionieri estremamente provati.

In totale, ad Auschwitz morirono più di un milione e centomila Ebrei, oltre a decine di migliaia di Polacchi, di Rom (Zingari) e di prigionieri di guerra sovietici.


Tag


  • US Holocaust Memorial Museum

Share This