Testimonianze Orali

Agnes Mandl Adachi descrive gli sforzi di Raoul Wallenberg per salvare gli Ebrei dalla deportazione

Nel 1939, Agnes si trovava in Svizzera, per studiare il francese, ma tornò a Budapest nel 1940. Dopo che i Tedeschi occuparono l'Ungheria, nel 1944, Agnes trovò rifugio nell'ambasciata svedese dove cominciò a lavorare per il diplomatico svedese Raoul Wallenberg, aiutandolo nei suoi sforzi per salvare gli Ebrei di Budapest, sforzi che comprendevano la distribuzione di lasciapassare (Schutzpaesse). Quando i sovietici entrarono a Budapest, Agnes decise di andare in Romania. Dopo la guerra, andò in Svezia e poi in Australia, prima di trasferirsi negli Stati Uniti.

Testo

Raoul seguiva la gente [destinata alla deportazione] fino al confine austriaco...In una di quelle occasioni c'era anche Per Anger con lui; [Raoul] aveva un grosso libro nero e sulla strada per la stazione si fermò e gridò ai Nazisti, in tedesco, (parlava un tedesco perfetto) "Come osate? state portando via la nostra gente, sono tutte persone sotto la nostra protezione". E poi gridò: "Tutti quelli che hanno i nostri documenti si girino verso di me." E tra loro c'era quella che sarebbe diventata una delle mie migliori amiche e lei si disse "proviamo, che può succedere?", tanto, altrimenti, sapeva che l'avrebbero uccisa lo stesso. Si girò; non aveva nessun documento e neanche sua sorella e sua madre. E poi Raoul disse "Salite sul camion!" e poi cominciò ad aprire il suo libro nero e a leggere nomi, uno dopo l'altro, a raffica. La gente capì e quelli che potevano ancora camminare, cominciarono a venire su, sia che il loro nome fosse stato chiamato che no. E così li riportò a Budapest, mille persone, al sicuro, nelle loro case. E sulla via di casa, Per Anger gli disse: "Raoul, non sapevo che avessimo un registro con i nomi. Quando l'hai fatto?" E Raoul cominciò a ridere istericamente e disse "Te lo faccio vedere quando l'ho fatto" e aprì il libro e non c'era un solo nome. Niente. Ma quella era la sua idea: doveva fare qualcosa. Doveva salvare la gente. Allo stesso modo, aveva delle patenti di guida e ...e documenti assicurativi, qualunque cosa riuscisse a trovare in ungherese che i Tedeschi non potessero capire. E portava tutto al treno e chiedeva che venissero aperti gli sportelli e poi gridava ai passeggeri "Ho i vostri documenti, Signor Tal dei Tali, scendete" e così via. E così, ad alcune persone, sapete [diede loro l'idea] che forse potevano farcela. E alcuni ebbero un lasciapassare non con il loro nome, ma chi se ne importava, sapete; o anche documenti dell'assicurazione o delle tasse, qualunque documento. E così [Raoul] li riportò indietro.


Tag


  • US Holocaust Memorial Museum Collection
Informazioni dall'archivio

Questa pagina è disponibile anche in

Thank you for supporting our work

We would like to thank The Crown and Goodman Family and the Abe and Ida Cooper Foundation for supporting the ongoing work to create content and resources for the Holocaust Encyclopedia. View the list of all donors.