Nazi eugenics poster entitled "Feeble-mindedness in related families in four neighboring towns." Germany, 1935.

Razzismo: sintesi

Il razzismo alimentava l’ideologia e le politiche naziste. Per i Nazisti, esistevano due razze, una inferiore e una superiore, in competizione per la sopravvivenza e il potere. Di conseguenza,  non consideravano gli Ebrei semplicemente come appartenenti a una religione diversa, ma come una “razza” estranea all’Europa. Il razzismo nazista avrebbe poi portato allo sterminio di massa, raggiungendo cifre senza precedenti nella Storia.

Eventi principali

  • 1

    In generale, i razzisti credono che caratteristiche innate, ereditate biologicamente, determinino il comportamento umano. All’inizio del ventesimo secolo, questa visione della razza era accettata in molte società. In realtà, la razza non ha alcuna base biologica ed è, invece, un modo puramente culturale di classificare gruppi diversi di individui.

  • 2

    Secondo le teorie naziste, i Tedeschi e altre popolazioni europee avevano tratti fisici e mentali superiori. Tali popolazioni erano chiamate “Ariane”, e discendevano dalle antiche popolazioni Indo-Europee che si erano originariamente stabilite in diverse parti d’Europa, India, e Iran.

  • 3

    L’antisemitismo razzista nasce dal pregiudizio e dall’odio nei confronti degli Ebrei e pretende di avere basi scientifiche che sono, in effetti, assolutamente false. Questo particolare aspetto delle teorie razziste costituì sempre una componente fondamentale del Nazismo.

Ulteriori informazioni su questa immagine

Razzisti si definiscono coloro i quali credono che caratteristiche innate, ereditate biologicamente, determinino il comportamento umano. La dottrina razzista asserisce che l’identità etnica e nazionale di un popolo viene definita dal “sangue”. Nella visione del razzismo, il valore di un essere umano non è determinato dalla sua individualità, bensì dal suo essere parte di una “collettività nazionale ed etnica”. Molti intellettuali, compresi diversi scienziati, fornirono supporto pseudo-scientifico al pensiero razzista. Teorici razzisti del diciannovesimo secolo, come Houston Stewart Chamberlain, esercitarono una forte influenza sulla generazione cui apparteneva Adolf Hitler.

Il razzismo, incluso l’antisemitismo (pregiudizio o odio contro gli Ebrei, basato su false teorie biologiche) fu sempre parte integrante del Nazional Socialismo (Nazismo) tedesco. I Nazisti guardavano alla storia dell’uomo come alla storia della lotta, motivata biologicamente, tra popoli di razze diverse. I Nazisti credevano che movimenti politici quali il Marxismo, il Comunismo, il Pacifismo e l’Internazionalismo fossero anti-nazionalisti e riflettessero un pericoloso intellettualismo ebraico, dovuto alla differenza di razza. Nel 1931, le SS (Schutzstaffel,la guardia d’elite dello stato nazista) crearono l’Ufficio per la Razza e gli Insediamenti Umani, al fine di condurre “ricerche” sulla razza e determinare l’idoneità di un certo numero di donne a diventare mogli di membri delle SS. Dopo l’ascesa al potere, nel 1935 i Nazisti approvarono le Leggi di Norimberga, le quali ratificarono una definizione fintamente biologica dell’essere Ebrei.

Il razzismo Nazista considerava i malati fisici e mentali come una macchia sul patrimonio genetico della cosiddetta razza superiore e, nel caso questi avessero avuto figli, come una minaccia alla purezza della razza ariana. Dopo un’attenta progettazione e raccolta di dati, durante la seconda parte del 1939, medici tedeschi cominciarono ad eliminare i disabili ospitati in vari istituti in Germania, in un’operazione che venne eufemisticamente chiamata “Eutanasia”.

Secondo le teorie naziste della razza, i Tedeschi e altre popolazioni del Nord Europa appartenevano a una razza superiore, quella “Ariana”, appunto. Nel corso della Seconda Guerra Mondiale, medici nazisti condussero numerosi esperimenti per individuare “scientificamente” le caratteristiche fisiche in grado di dimostrare, da un lato, la superiorità ariana e, dall’altro, l’inferiorità delle altre popolazioni. Nonostante l’alto numero di vittime tra i prigionieri non-ariani causato da questi esperimenti, i Nazisti non riuscirono a trovare alcuna prova a sostegno delle teorie di una differenza biologica tra le diverse razze del genere umano.

Sempre durante la Seconda Guerra Mondiale, i leader nazisti intrapresero quella che definirono “pulizia etnica” nei territori occupati della Polonia e dell’Unione Sovietica, nell’Europa Orientale. Questa azione includeva l’assassinio e l’annientamento delle cosiddette “razze nemiche”, nonché il genocidio degli Ebrei europei e la distruzione della classe dirigente dei paesi Slavi. Il prodotto principale del razzismo Nazionalsocialista fu l’assassinio di massa, a livelli mai toccati prima nella Storia.