Testimonianze Orali

Joseph Stanley Wardzala descrive il lavoro nel campo di Hannover

Joseph e la sua famiglia erano Cattolici. Dopo che la Germania ebbe invaso la Polonia nel 1939, i Tedeschi cominciarono ad organizzare rastrellamenti regolari dei Polacchi per mandarli ai lavori forzati in Germania. Jospeh riuscì a sfuggire due volte all'arresto, ma la terza volta, nel 1941, venne deportato in un campo di lavoro ad Hannover, in Germania. Per più di quattro anni venne obbligato a costruire rifugi antiarei in cemento. Dopo la liberazione, avvenuta nel 1945 ad opera delle forze statunitensi, il campo di lavoro venne trasformato in un campo profughi e Joseph rimase lì fino a quando, nel 1950, non ottenne un visto per entrare negli Stati Uniti.

Testo

Lì, al lavoro, eravamo in tanti ... tante persone. C'erano Polacchi e gente di altre nazionalità, Italiani, e Francesi. Noi non si parlava molto perché ... insomma ... i Tedeschi erano i nostri capi e le nostre guardie erano armate; così non potevi scappare e non potevi parlare, non molto ecco. Se parlavi e quelli ti vedevano, venivi subito picchiato. Quindi si poteva solo lavorare. Se parlavamo, lo facevamo molto piano. Noi Polacchi parlavamo tra noi, sì, ma in modo che non ci sentissero, i Tedeschi voglio dire. Poi, loro controllavano ... sempre ... che tu facessi un buon lavoro e se facevi qualcosa di sbagliato allora loro ti picchiavano con le pale o con i fucili. E poi qualche volta... cioè... un giorno io dovevo portare del cemento da un treno ed eravamo in due e ognuno prendeva un sacco e se lo caricava sulle spalle e poi lo portava in magazzino. E dovevamo anche correre. Quando pioveva, poi, era un vero disastro. Se poi il sacco di cemento si rompeva, allora ti picchiavano ... anche se non era colpa tua, ma dovevi fare molta attenzione. Erano molto attenti ai possibili sabotaggi. Non potevamo organizzare sabotaggi, in Germania, perché se ci provavi, ti costava la vita.

 

 


  • US Holocaust Memorial Museum Collection
Informazioni dall'archivio

Thank you for supporting our work

We would like to thank The Crown and Goodman Family and the Abe and Ida Cooper Foundation for supporting the ongoing work to create content and resources for the Holocaust Encyclopedia. View the list of all donors.