Testimonianze Orali

Abraham Bomba descrive come tagliava i capelli alle donne prima che queste venissero mandate alle camere a gas, nel campo di Treblinka

Abraham crebbe a Cestochowa, Polonia, dove divenne barbiere. Nel 1942 venne deportato con la sua famiglia dal ghetto di Cestochowa al campo di sterminio di Treblinka, dove venne destinato ai lavori forzati, che per lui consistevano nel tagliare i capelli alle donne, prima che entrassero nelle camere a gas, e a selezionare gli indumenti dei convogli appena arrivati al campo. Abraham riuscì a fuggire dal campo nel 1943 e a tornare a Cestochowa, dove più tardi fu nuovamente costretto in un campo di lavoro dal giugno 1943 fino alla liberazione, avvenuta ad opera delle truppe sovietiche nel 1945.

Testo

Avevamo delle forbici e con quelle portavamo via intere ciocche di capelli; le tagliavamo via. Le buttavamo a terra da una parte e in due minuti, più o meno, tutto doveva essere finito. Neanche due minuti...perché c'era la fila ... che aspettava il proprio turno. E quello era il modo in cui lavoravamo. Dentro era molto doloroso, terribilmente doloroso, perché alcuni dei barbieri riconoscevano i loro cari... le loro mogli, madri e anche nonne. Riuscite a immaginare cosa vuol dire dover tagliare i capelli alle persone care e non poter dir loro una parola? perché non era permesso... se avessero detto loro una sola parola, se avessero detto loro che cinque o sei minuti dopo sarebbero state... sarebbero state ... gasate, ecco sarebbe scoppiato il panico e anche loro sarebbero stati uccisi.


Tag


  • US Holocaust Memorial Museum Collection
Informazioni dall'archivio

Questa pagina è disponibile anche in

Thank you for supporting our work

We would like to thank The Crown and Goodman Family and the Abe and Ida Cooper Foundation for supporting the ongoing work to create content and resources for the Holocaust Encyclopedia. View the list of all donors.