Testimonianze Orali

Leo Schneiderman descrive l'arrivo ad Auschwitz, la selezione e la separazione dalla sua famiglia

I Tedeschi invasero la Polonia nel settembre 1939, dopo di che Leo e la sua famiglia vennero confinati nel ghetto di Lodz, dove lui fu costretto a lavorare come sarto in una fabbrica di uniformi. Il ghetto di Lodz venne poi liquidato nel 1944 e Leo venne deportato prima ad Auschwitz e successivamente nel campo di Gross-Rosen, ai lavori forzati. All'avanzare dell'esercito sovietico, i prigionieri vennero trasferiti nel campo di Ebensee, in Austria, che venne poi liberato nel 1945.

Testo

Era notte avanzata quando arrivammo ad Auschwitz. Quando entrammo, nel momento in cui i cancelli si aprirono, sentimmo delle grida e dei cani abbaiare, e quei ... quei Kapò che lavoravano per loro cominciarono a picchiarci sulla testa. Poi scendemmo dal treno e tutto accadde così in fretta: sinistra destra, destra sinistra, gli uomini separati dalle donne, i bambini strappati dalle braccia delle madri, gli anziani radunati come bestie. I malati e i disabili, poi, venivano trattati come spazzatura: venivano gettati da parte insieme a valigie rotte e scatole. Mia madre corse verso di me e mi prese per le spalle e mi disse "Leibele, non ci rivedremo più. Abbi cura di tuo fratello".


Tag


  • US Holocaust Memorial Museum Collection
Informazioni dall'archivio

Questa pagina è disponibile anche in

Thank you for supporting our work

We would like to thank The Crown and Goodman Family and the Abe and Ida Cooper Foundation for supporting the ongoing work to create content and resources for the Holocaust Encyclopedia. View the list of all donors.