Testimonianze Orali

Lilly Appelbaum Malnik descrive le procedure con cui i prigionieri venivano registrati ad Auschwitz

La Germania invase il Belgio nel maggio del 1940. Dopo che i Tedeschi ebbero portato via sua madre, sua sorella e suo fratello, Lilly si nascose. Con l'aiuto di amici e parenti Lilly riuscì a celare la sua identità ebrea per due anni, ma nel 1944 venne denunciata da alcuni Belgi e quindi venne prima trasferita al campo di Melchen e, poi, deportata ad Auschwitz-Birkenau. Lilly venne liberata dalle forze britanniche a Bergen-Belsen, dove era giunta dopo una marcia della morte partita da Auschwitz.

Testo

Poi mi dissero: "Da questo momento in avanti tu non hai più un nome: il tuo nome sarà il tuo numero". E lo sconforto, l'avvilimento, lo scoramento che provai ... mi sentii come se non fossi più un essere umano. Ci avevano rasato la testa e io mi vergognavo così tanto. Anche quando ci dissero di spogliarci e di fare la doccia, anche quello ci fece sentire come... come animali. Le guardie ci giravano intorno guardandoci e ridendo; dovete immaginare una ragazza giovane che non è mai stata esposta prima a... a una persona... a un uomo... e deve stare lì... nuda. Avrei voluto che il pavimento si aprisse sotto di me e mi ingoiasse.


Tag


  • US Holocaust Memorial Museum Collection
Informazioni dall'archivio

Thank you for supporting our work

We would like to thank The Crown and Goodman Family and the Abe and Ida Cooper Foundation for supporting the ongoing work to create content and resources for the Holocaust Encyclopedia. View the list of all donors.